L’uomo russo prova le facce dell’uomo su una tangente da 1 milione di dollari in Bitcoin (BTC) per piantare malware

Egor Igorevich Kriuchkov, cittadino russo, è stato arrestato per tentata corruzione di un milione di dollari a favore di uno staff di una società con sede in Nevada per sollecitarlo a piazzare illegalmente malware nel sistema informatico della società, come riportato dal Dipartimento di Giustizia statunitense (DOJ).

Secondo l’annuncio, Kriuchkov aveva pianificato

Secondo l’annuncio, Kriuchkov aveva pianificato una cospirazione con lo staff del Nevada per piazzare un malware nel computer di un collega per cercare di rubare informazioni dalla rete della compagnia. Di conseguenza, chiedere un riscatto alla società con la minaccia di rendere pubblica la storia se la società non dovesse pagare.

Tuttavia, il piano è fallito e si è rivelato l’opposto per Kriuchkov quando il membro dello staff del Nevada che aveva contattato tramite Whatsapp e alcuni incontri a cena e che aveva finito per creare una conoscenza reciproca, ha scelto di chiamare l’FBI per denunciare invece il complotto di Kriuchkov.

Ulteriori indagini hanno rivelato che l’uomo russo aveva dichiarato di appartenere a una grande azienda dove inizialmente aveva offerto i suoi potenziali 500.000 dollari. Aveva promesso che sarebbe salito a 1 milione di dollari dopo che il malware fosse stato installato con successo. Ha anche promesso al membro dello staff un pagamento anticipato di 1 BTC e l’assistenza nella creazione di un portafoglio Bitcoin Code sul browser anonimo, Tor.

Kriuchkov aveva intenzione di lasciare gli Stati Uniti quando

Kriuchkov aveva intenzione di lasciare gli Stati Uniti quando le forze dell’ordine lo hanno arrestato. Kriuchkov sarà condannato fino a cinque anni di prigione se sarà giudicato colpevole e pagherà una multa di 250.000 dollari.

Nel frattempo, la corruzione sembra essere la nuova strategia che il criminale usa per accedere alle informazioni sensibili della società.

Coinfomania aveva recentemente denunciato un tentativo di corruzione da parte di un ex capo della sicurezza, Joseph Sullivan. Egli avrebbe pagato 100.000 dollari in Bitcoin agli hacker per nascondere la massiccia violazione dei dati avvenuta nel 2016. Mentre gli hacker che hanno preso parte allo stratagemma sono ora condannati, Sullivan dovrà affrontare un processo in tribunale e le relative multe nelle prossime settimane.